(+39) 329 62 91 069 Piazzale Aldo Moro, 3 • c/o PalaRiviera • San Benedetto del Tronto (AP)
22
Apr

Intervista a Roberto Morello, direttore di Accademia Chefs

Sono tante le storie che, settimana dopo settimana, abbiamo raccontato nel nostro blog: storie di successo si allievi e collaboratori. Mancava al nostro parterre la storia più importante: quella di chi ha creato, in pochi anni, tutto questo.

E oggi la parola va al direttore di Accademia Chefs Roberto Morello.

Qual è la scintilla che ha fatto nascere il progetto Accademia Chefs?

L’idea di aprire una Scuola di alta Cucina è arrivata sei anni fa grazie a tanti amici ristoratori che mi dicevano di aver bisogno di personale qualificato… allora mi sono detto: perché non creare una vera Scuola di Cucina che formi le future leve di Chef e Pasticceri?

Così, grazie all’aiuto degli amici di sempre, Sigismondo Gaetani e Stefano Nico, siamo partiti un po’ all’avventura e abbiamo iniziato i primi corsi usando come sede pratica le cucine dell’Hotel Jerry di Alfredo Marchegiani.

Nel 2016 c’è stata la svolta, con il trasferimento nell’ attuale sede presso il Palariviera che grazie ai grandi spazi e alle cucine modernissime ci hanno permesso di fare un vero e proprio salto di qualità nell’offerta formativa.

Come si è inserita la tua Accademia nel tessuto del territorio? Sono nate collaborazioni?

L’inizio è stato facilitato dalle mie relazioni con il mondo della ristorazione locale, ma poi le collaborazioni sono aumentate grazie alla conoscenza di grandi personaggi dell’eno-grastronomia nazionale che sono transitati all’accademia Chefs, quali Luca Montersino, Carla Latini, Igles Corelli, Moreno Cedroni e tanti altri.

In virtù della rete di relazioni instaurata in questi anni, oggi possiamo gestire collaborazioni per stage e inserimento lavorativo in tutti i più importanti ristoranti d’Italia.

Nella scuola c’è un flusso costante di allievi: centinaia, da quando è stata aperta. Tante emozioni, tante speranze: ma ci sono storie che ti hanno particolarmente colpito?

Le storie sono tantissime, visto che sono passati dalla nostra scuola più di 3000 allievi: devo dire che la soddisfazione maggiore viene dai tanti giovani che partendo da zero oggi si sono realizzati lavorando come Chef e Pasticceri in tantissime strutture sia in Italia che all’estero.

Tu curi (insieme al tuo staff) con grande attenzione la comunicazione dell’Accademia: quanto conta per te il sapersi raccontare nel mondo della ristorazione?

Fin dalla nascita di Accademia Chefs abbiamo sempre curato con attenzione la comunicazione soprattutto nei canali “social”, perchè in cucina c’è una componente passionale altissima, che abbiamo sempre cercato di raccontare. Non si può poi transigere dal narrare la parte visual, che soprattutto grazie alle meravigliose realizzazioni dei nostri chef, racconta da sola la qualità dell’istruzione offerta.

Sempre a proposito di staff…due parole sul tuo!

La forza della scuola è sempre stata nelle risorse umane che in questi anni si sono avvicendate: il merito del nostro successo è dipeso dalla dedizione, passione e disponibilità che tutti hanno messo nel lavoro quotidianamente. Un mix di contributi che gli allievi hanno sempre apprezzato.

Come immagini il futuro prossimo di questo mondo? Quanto sarà importante sapersi adattare per chi si occupa di food dopo quello che ci è successo?

Per la ristorazione è sicuramente un periodo difficile ma presto o tardi passerà, per cui sarà sempre più importante nel futuro puntare sulla qualità del cibo attraverso l’utilizzo di materie prime genuine e curare ancora di più la creatività nei piatti.

Per incentivare le persone a ritornare nei nostri ristoranti sarà importante curare sempre di più l’atmosfera della sala e il servizio che deve essere ulteriormente personalizzato sulle esigenze del cliente.

Accademia non si ferma: è stato scritto più volte. Quali novità ci saranno per gli allievi e i futuri iscritti?

Il futuro di accademia Chefs è proiettato sempre più nell’inserimento lavorativo post-corsi grazie alle convenzioni stipulate con le più importanti strutture d’Italia, come ad esempio l’Hotel Cristallo di Cortina d’Ampezzo.

 

Cosa differenzia Accademia Chefs dalle altre scuole di cucina?

“La nostra scuola è differente” recitava uno slogan qualche anno fa, ma Accademia Chefs lo è veramente perché facciamo sentire gli allievi come a casa e non come un “numero di matricola”.

Lo staff, gli Chef e il sottoscritto sono sempre a diposizione per qualsiasi problematica inerente l’attività didattica ma anche per consigli personali.

Quali sono i valori che gli allievi possono trovare all’Accademia Chefs?

Nelle mie lezioni di orientamento al lavoro riassumo i valori della nostra scuola in tre parole: competenza-certificazione-relazioni.

Nella competenza consideriamo tutti i “saper fare” che questa professione richiede e che noi trasmettiamo nei nostri corsi.

La certificazione è l’attestazione che i nostri corsi rilasciano agli allievi e gli Attestati rilasciati dalla Regione Marche sono riconosciuti sia dal sistema pubblico del lavoro in Italia che all’estero.

Infine le relazioni sono il patrimonio più importante di una Scuola di cucina: noi mettiamo in contatto gli allievi con le realtà del mondo del lavoro, sia che si tratti di stage che di inserimento lavorativo.

E dopo aver offerto loro il nostro miglior bagaglio di cultura culinaria li salutiamo sicuri che sapranno farsi valere in questo mondo complesso ma affascinante che è la Ristorazione.

Accademia Chefs offre un percorso completo a chi si avvicina alla cucina o desidera approfondirne alcuni ambiti: clicca sui link per avere maggiori informazioni!

Corso Aiuto Cuoco: https://www.accademiachefs.it/project/aiuto-cuoco/

Corso Chef: https://www.accademiachefs.it/project/specializzazione-chef/

Corso Pasticcere: https://www.accademiachefs.it/project/pasticcere/

 

 

CHIAMACI, OPPURE VIENI A TROVARCI!

Chiamaci al numero di segreteria +39 329 62 91 069, oppure vieni a trovarci. Ti aspettiamo!

×