(+39) 329 62 91 069 Piazzale Aldo Moro, 3 • c/o PalaRiviera • San Benedetto del Tronto (AP)
15
Mag

Il pane, dalle origini al Master ad Accademia Chefs con Francesco Genchi

L’Homo erectus passava molto tempo delle sue giornate a macinare semi di cereali fra due pietre creando così una primordiale farina che mescolata con l’acqua dava vita ad una pappa molto nutriente.
Questo lavoro di macina dei chicchi di cereali è passato al secolo dell’Antico Egitto in mano alle schiave, che unendo la farina ottenuta all’acqua, andavano poi ad infornare le pagnotte ottenute.
Ai forni in pietra precedentemente utilizzati, si preferì con gli anni l’uso di vasi in creta riscaldati col fuoco: al loro interno si introducevano le pagnotte e l’imboccatura del vaso veniva chiusa con una grossa pietra, favorendo una lenta ed uniforme cottura del pane.
Si narra che in quei secoli venne scoperto per errore il lievito di birra. I forni furono modificati al fine di separare in due camere la combustione e la cottura del pane.
Il profumo del pane caldo appena sfornato la mattina, da quel che narra la storia, lo dobbiamo all’antica civiltà greca. Gli Antichi Greci, infatti, furono i primi ad elaborare l’impasto del pane aggiungendovi latte e aromatizzandolo con erbe, vino o miele ed iniziando ad impastare e a cuocerlo di notte, in modo che la gente al mattino lo trovasse fresco e croccante.
In Italia, neanche a dirlo, la tecnica di produzione del pane venne introdotta dagli Antichi Romani, che coniarono il termine “farina” e si prodigavano a improvvisare impasti con spezie diverse, introducendo ingredienti come olive o mele. Ai Romani è attribuita l’invenzione del mulino ad acqua, anche se la storia ci racconta che furono i Francesi ad usufruire di quest’invenzione per la prima volta a livello industriale.
Il medioevo si popolò di mulini privati in mano a feudatari che facevano pagare una tassa a coloro i quali volessero portare lì il proprio grano da macinare.
La chimica del XIX secolo ha poi portato alla scoperta e utilizzo dei fertilizzanti chimici che consentirono un raccolto esponenziale di cereali. Iniziò così la vera produzione industriale del pane, che, specialmente nella cultura europea, assunse sempre più il ruolo di alimento insostituibile, prodotto base dell’alimentazione.
Siamo così arrivati ai giorni nostri, con una veloce carrellata di un percorso che ci ha permesso di realizzare il pane così come lo conosciamo oggi: il re della tavola a cui non potevano non dedicare un’intera giornata di formazione capitanata da un Maestro come Francesco Genchi, che ha dedicato già 30 anni della sua vita a questo prodotto fatto di storia, di tentativi ed errori.
Il 27 maggio presso il laboratorio di Accademia Chefs avrete l’occasione di ripercorrere tutte le tappe della storia del pane, fino ad arrivare a creare delle vere e proprie opere d’arte.
Colori e forme speciali per un pane speciale come può essere solo quello realizzato dal nostro Maestro Genchi.
I posti sono limitati e quasi terminati. Correte ad iscrivervi per non perdere questo fantastico viaggio nei profumi, nei colori e nell’arte dei suoi pani decorati!

 

Master “Pani Artistici”

Chiama Ora!
Segreteria (+39) 347 2251072

oppure

Vieni in sede!

Orari di apertura:

Sede Formativa –> da lunedì a venerdì dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e dalle ore 14.00 alle ore 18.00.

Per ulteriori informazioni puoi anche scriverci all’indirizzo di posta elettronica info@accademiachefs.it

CHIAMACI, OPPURE VIENI A TROVARCI!

Chiamaci al numero di segreteria +39 329 62 91 069, oppure vieni a trovarci. Ti aspettiamo!