(+39) 329 62 91 069 Piazzale Aldo Moro, 3 • c/o PalaRiviera • San Benedetto del Tronto (AP)

Category: Food & Beverage

01
Ott

Non sapevo di avere un sogno [Luana del Gaone]

 

“Mi chiamo Luana, ho 29 anni e non sapevo di avere un sogno…”

Così potrebbe iniziare la storia che andiamo a raccontare; parla di una ragazza con un sogno…un sogno realizzato.

“Tutto è iniziato dopo essermi diplomata presso il liceo scientifico di Teramo e l’iscrizione a Matematica all’università dell’Aquila..”. – ci dice –

“Al termine di un periodo buio durante il quale non riuscivo a fare progressi negli studi, grazie al supporto della mia famiglia, ho deciso di cambiare totalmente rotta. Spinta da loro, nel dicembre 2015 ho iniziato il corso di aiuto cuoco realizzato da Accademia Chefs, corso che ho terminato nell’aprile 2016.”

“All’inizio ero riluttante ed insicura, ma poi ho trovato la motivazione dentro me ed ho iniziato ad emergere. – Grazie ai miei docenti ed allo stage organizzato presso un ristorante di pesce della zona, ho capito che la strada intrapresa era assolutamente giusta per me!”

“Da quando ero piccola, per i miei parenti è sempre stato naturale pensare che io un giorno avrei fatto la cuoca ma per me no! Io immaginavo di fare altro…”

“In realtà ho sempre visto cucinare le donne della mia famiglia; mia mamma, mia zia, mia nonna amavano ed amano i piatti della tradizione ed quindi la cucina è nel mio DNA” – ride Luana

“ Il mio mentore durante le 3 settimane di stage è stato quello che ora è il mio compagno – Lui mi ha fatto comprendere che cambiare strada era stata una buona scelta per la mia vita – i giudizi positivi di chi mi vedeva all’opera ed assaggiava i miei piatti hanno fatto il resto.”

“Da ottobre del 2016 a Gennaio 2017 ho frequentato quindi il corso di Chef, sempre presso Accademia Chefs – al termine del quale, solo dopo due mesi dal diploma, ho trovato lavoropresso un altro ristorante di pesce.

 

 Luana del Gaone - Un sogno realizzato

All’inizio ho cominciato a fare gavetta come lavapiatti e pulendo il pesce, ma poi ho trovato spazio nella cucina ed ho iniziato a mettere in pratica tutto quello che avevo imparato dai miei insegnanti.”

“Ad un certo punto ho cominciato a sentire il desiderio di evolvere professionalmente, e quindi, ancora grazie alla mia famiglia, nel luglio 2017 mi sono licenziata –  Un mese dopo ho preso in gestione quello che oggi è il mio ristorante!”

“Ora io sono lo Chef ed il mio ragazzo (il mio ex dante pratica durante lo stage del corso di aiuto cuoco) è il mio aiuto cuoco” – ride ancora.

“Al momento sto partecipando a cuochi d’Italia e rappresento la mia regione! Chi lo avrebbe mai detto?!?! –

Le puntate che registrerò il prossimo mese, andranno in onda a novembre su Sky!”

Cosa diresti a chi come te, aveva un sogno, ma non sapeva di averlo o che desidera cambiare rotta?

“Anche se all’inizio può fare paura mettersi così tanto in gioco, fatelo! Studiate, impegnatevi, sperimentate ed affidatevi a chi può veramente aiutarvi a crescere sia professionalmente che a livello personale.”

Ringrazio il “pool” di docenti di Accademia Chefs, dai quali ho appreso tutto quello che metto in pratica quotidianamente.”

Riassumi tutto in una sola parola:

Provaci”!

20
Lug

Quando la passione non ha limiti [la storia di Fred]

La passione di Fred per la cucina - il nostronuovo aiuto cuoco

 

La passione non si ferma davanti all’età o alle distanze.
Ad insegnarcelo è Fred, un carismatico signore di 63 anni che da New York è venuto a studiare cucina nella nostra scuola, cavalcando il suo sogno di conoscere i trucchi e i segreti dei grandi chefs italiani.

“Mia mamma era calabrese, mentre mio padre era americano ma di origine italiana” – ci racconta. “Ho imparato le prime ricette da lei, che con passione e grande intuito per il buon cibo, creava piatti prelibati e allo stesso tempo sani.”

“Lei seguiva la dieta mediterranea ancor prima che si divulgasse ed io, seguendo il suo esempio, venivo spesso in Italia per migliorare la mia conoscenza in tal senso”.

Cosa l’ha portata in Italia?

“Nella mia vita mi occupavo di commercio di inchiostro digitale ed a gennaio sono andato in pensione” – “moltissimi americani, quando vanno in pensione decidono di trascorrere qualche mese ai Caraibi…in spiaggia, io invece ho deciso di trascorrere un po’ di tempo nella penisola per imparare a cucinare bene!” – ci dice sorridendo.

Fred ha un grande progetto...anzi due…da realizzare non appena ritornerà in America:

Il primo è quello di offrire un servizio di cuoco a domicilio per tutti coloro che nel weekend desiderino assaporare la buona cucina italiana. Ad aiutarlo, nel suo progetto, ci saranno gli studenti delle High-school (scuole superiori) del corso di culinaria, che necessitano di fare tirocinio. Un piccolo team di cuochi che con passione si mettono al servizio del mangiare bene!

Il secondo, che lui definisce più articolato, è quello di creare un sito internet con accesso ad un’area riservata dove saranno presenti dei video in cui si parlerà di cucina (italiana, precisa Fred), di salute e fitness. Il target di riferimento sarà dato da persone obese che desiderino dimagrire senza diete drastiche. “Mi piacerebbe che nei video ci fossero degli esperti a parlare degli argomenti…spero che Mariano (Narcisi) accetti l’invito!”

Uno-dei-fantastici-piatti-cucinati-da-Fred

 

Cosa l’ha spinta a scegliere proprio Accademia Chefs?

“Quando ho iniziato a pensare all’idea di studiare cucina, come sempre accade, ho fatto una ricerca su internet” – “Il sito di Accademia Chefs mi ha colpito subito. Leggendo il programma del corso di aiuto cuoco ho pensato: ecco la scuola perfetta per me!”

“Ho avvertito mia moglie ed i miei amici più stretti ed ognuno di loro mi ha appoggiato con grande entusiasmo – ma ho dovuto promettere di cucinare per tutti loro al mio ritorno negli States”.

“Ciò che ho amato sin da subito della classe di aiuto cuoco è stato il modo in cui vengono trattati gli argomenti” – dice ancora Fred.

“Quando sono arrivato, non sapevo nulla delle basi della cucina, nemmeno che esistessero” – “Ora sto imparando tutto ciò di cui avevo bisogno, grazie alle lezioni teoriche, pratiche sui diversi cibi ed un sacco di trucchi” – “…e poi, ci sono 16 ore di inglese ed io sono il migliore della classe” – Ride.

Come sta vivendo il suo periodo di corso fuori dalla scuola?

“San Benedetto è una città accogliente, dinamica ed a misura d’uomo. Il luogo ideale dove trascorrere 4 mesi. – Resterei in Italia, ma ho altri progetti per la mia vita!”

Allora

Good Luck, dear Fred! We wish you the best!

 

Scopri chi sono i nostri docenti:  http://www.accademiachefs.it/docenti-accademia-chefs/

 

10
Mag

La nuova rubrica di Accademia Chefs: la ricetta di stagione.

Il mese di maggio è quello che si traduce in primavera inoltrata, nell’estate alle porte e nel mondo vegetale che si colora.
Iniziano a vedersi formare i primi frutti, si iniziano a raccogliere le prime vere primizie della stagione.

Ed è ad una primizia che dedichiamo la nostra rubrica di oggi: agli asparagi freschi, che il nostro Chef Fabio Iobbi, Patron Chef dello Chalet Duilio di Porto San Giorgio, va a legare con estrema maestria ad un piatto dal titolo più che accattivante.
Vi presentiamo il suo Gomitolo di Musciska ed Asparagi con frittella di patate e salsa al vino rosso.Continua a leggere…

26
Apr

Delizioso e bellissimo? Solo con il corso di Passione Gourmet!

Quando abbiamo passione per la cucina, una passione forte, una passione vera, diciamocelo, ci fa un piacere immenso preparare un piatto per i nostri ospiti e ricevere gli apprezzamenti che ci meritiamo.Continua a leggere…

10
Apr

La nuova rubrica di Accademia Chefs: la ricetta di stagione.

Aprile, ribellatevi al dolce dormire e cimentatevi in una ricetta speciale come quella della Lady chef Mariella Clemente.

Siamo ad aprile inoltrato, già pensavate che ci fossimo dimenticati di darvi una ricetta di stagione di tutto rispetto? Giammai!
Accademia Chefs è stata a dir poco impegnata in questi primi giorni del mese con un evento che meritava tutta l’attenzione del nostro staff: la lezione magistrale sui lievitati innovativi di Luca Montersino. Il grande pasticcere di fama internazionale.Continua a leggere…

03
Mar

Il tuo futuro dietro al bancone di un bar? Scegli il Corso Barman di Accademia Chefs per realizzarlo!

Ci sono molti modi per diventare Barman, ma se stai leggendo quest’articolo è perché probabilmente vuoi scegliere una strada che in breve tempo ti permetta di diventare un vero professionista del settore.
Accademia Chefs, Scuola di Alta Cucina con sede a San Benedetto del Tronto, infatti, ha fatto la scelta di ampliare la propria offerta formativa e di integrare ai corsi di qualifica nel settore della Cucina dei corsi professionalizzanti nel settore Beverage.
Sono due le proposte: il corso per diventare Beer Sommelier e il corso per diventare Barman. In entrambi i casi si diventa dei veri professionisti del settore.
Con quest’articolo vogliamo farti conoscere il percorso che ti porterà ad entrare nel mondo Ho.re.ca. (Hotel, Ristoranti e Caffè).
Che tu desideri lavorare in un caffè bar, in un wine bar o in un american bar, il corso barman ti consentirà di acquisire tutte le abilità indispensabili al lavoro di barman/barlady.Continua a leggere…

01
Mar

La nuova rubrica di Accademia Chefs: la ricetta di stagione.

Marzo. Cosa mettere nel carrello e come cucinarlo: i consigli dello Chef Nikita Sergeev del Ristorante L’Arcade, docente del Corso Chef di Accademia Chefs.

Se diciamo Marzo, pensiamo subito alla primavera…ai fiori che sbocciano, agli alberi che tornano a colmare le loro chiome di verdi foglie.
Dal freddo Inverno cominciamo ad abbracciare la stagione mite, e tutto questo lo vediamo traslato anche sul nostro umore e sulle nostre tavole.
Se sopra le nostre teste possiamo avvistare le prime rondini, negli orti e nei boschi italiani vediamo fare capolino per primi gli asparagi.
Facciamo le ultime provviste di topinambur e radicchio mentre cavoli e finocchi lasciano il campo alla semina dei prodotti che saranno pronti alla raccolta in estate.
Ma Marzo si sa, è anche un mese pazzerello. Il detto popolare infatti dice che guardi il sole e prendi l’ombrello.
E “pazzerella” è anche la ricetta che vogliamo proporvi oggi per la rubrica “La ricetta di stagione”: “Seppie e nero”, dalla mente e le mani di uno Chef d’eccezione, Nikita Sergeev.Continua a leggere…

06
Feb

La nuova rubrica di Accademia Chefs: la ricetta di stagione.

Febbraio. Cosa mettere nel carrello e come cucinarlo:  i consigli dello Chef Narcisi di Accademia Chefs.

“Di 28 ce n’è uno…”

E’ proprio così, febbraio è un mese unico: è il mese più corto dell’anno, nonché uno dei più freddi. E’ il mese in cui il giorno e la notte sembrano avere la stessa durata, il mese dell’amore, il mese in cui ogni scherzo vale.
E sembra che ogni scherzo valga anche in cucina: frittelle, castagnole, cicerchiata, chiacchiere, zeppole, tortelli fritti alla crema, strauben, graffe, e chi più ne ha più ne metta. Ogni occasione a febbraio sarà buona per una bomba calorica dal sapore più dolce che mai.
Quindi un’altra ricetta di un dolce tipico di Carnevale? No, il web ne è pieno.
Noi di Accademia Chefs abbiamo pensato alla vostra salute e a metterla nel piatto con una ricetta del nostro Chef resident, Mariano Narcisi.
Per prima cosa, dobbiamo imparare a riconoscere le verdure di stagione e a sceglierle in fase di acquisto per una svariata miriade di motivi.
Innanzitutto il gusto: una verdura di stagione sarà sicuramente più saporita, gustosa e profumata della stessa acquistata fuori dal periodo di raccolta.Continua a leggere…

20
Gen

Go Vegan…ma dove, come, quando e perchè?

Odiata, amata, adorata, discussa, smentita, adottata, compresa e incompresa: la filosofia vegana è così.
Basta digitare su Google una semplice ricerca per termine, come “vegano”, per veder comparire articoli su articoli sull’argomento nelle sue più svariate sfaccettature.
Da Il Post che titola un generico “Un po’ di cose sui vegani” a La Repubblica che sforna dati nel suo “Addio carne e pesce: in aumento il popolo dei vegetariani e vegani in Italia”, dall’Internazionale che urla “La dieta vegana è meno sostenibile quanto si crede” a Il Giornale che duramente titola “La scienza sbugiarda i vegani: la carne ci ha resi intelligenti”, a Il Fatto Quotidiano che allerta con il suo “Dieta vegana ai bimbi: parla l’esperto. Danneggia e compromette la salute”, ogni testata non può fare a meno di dedicare uno spazio a questo tema.Continua a leggere…

16
Gen

Blue Monday? Tiriamoci su con una ricetta targata Chef Andrea Mosca.

Blue Monday, davvero il giorno più triste dell’anno? 

Combattilo con la ricetta “anti tristezza” dello Chef Andrea Mosca!

Una complessa formula matematica attribuita a Cliff Arnall, psicologo dell’Università di Cardiff in Gran Bretagna, elegge il terzo lunedì di gennaio al “più nero” di tutto l’anno.
La sua equazione mette in relazione diversi fattori come il meteo, le spese sostenute con il Natale, lo stipendio che deve ancora trasferirsi sul conto, il tempo che ci separa dalle prossime festività, il tempo trascorso da quando ci siamo resi conto che i buoni propositi di inizio anno sono falliti e il calo delle motivazioni.
In Gran Bretagna ci credono davvero, così tanto che il terzo lunedì di gennaio sembra essere il giorno in cui c’è il maggior numero di assenze sul posto di lavoro.Continua a leggere…

CHIAMACI, OPPURE VIENI A TROVARCI!

Chiamaci al numero di segreteria +39 329 62 91 069, oppure vieni a trovarci. Ti aspettiamo!